Recensione di Senjutsu: "Gli Iron Maiden si sono superati con questo nuovo classico"



Vi riportiamo la traduzione di questa lunga recensione di Senjutsu realizzata da That Hashtag Show:


Quando gli Iron Maiden annunciano un nuovo album, tutti hanno bisogno di saperlo.


Attraverso una brillante campagna di marketing che ha suscitato interesse prima per il Belshazzar's Feast e poi per “ The Writing On The Wall ”, era solo questione di tempo prima che ricevessimo notizie su un lavoro in studi. Nonostante una pandemia globale e molto altro, Senjutsu degli Iron Maiden è qui. La cosiddetta "reunion era" degli Iron Maiden è stata un successo strepitoso. Album come Brave New World , Dance of Death , A Matter of Life and Death , The Final Frontier e The Book of Souls erano tutti fantastici nei loro modi diversi. È un nuovo periodo degli Iron Maiden, con canzoni più lunghe e tecniche con in aggiunta una spruzzata di quella classica magia dei Maiden.

Senjutsu è stato effettivamente registrato durante una pausa del Legacy of the Beast Tour nel 2019. Gli Iron Maiden hanno avuto questo album pronto per tutto questo tempo senza un leak, o anche solo un indizio di aver già registrato un album [beh, qua noi di Iron Maiden Italia avremmo qualcosa da dire 🤓]. È un miracolo che non sia trapelato nulla ad oggi. Al di fuori di questo, tutti i principali sospettati di Iron Maiden sono qui: Bruce Dickinson, Steve Harris, Adrian Smith, Dave Murray, Janick Gers, Nicko McBrain e, naturalmente, Eddie . Senjutsu cambia radicalmente il sound degli Iron Maiden? Sì e no. Dipende molto dalla canzone che si sta ascoltando. Ma se vi piace questo nuovo corso degli Iron Maiden, Senjutsu ci si inserisce perfettamente e spazza via qualsiasi altra cosa le persone stanno facendo nel metal in questo momento.

IL SIGNIFICATO DI SENJUTSU I temi di questo album sono evidenti: la guerra, la morte, il tempo e l'umanità che si autodistrugge. Senjutsu si traduce in "tattica e strategia". Attraverso l'intero album questi temi sono mescolati insieme in un modo molto simile a come fatto su A Matter of Life and Death . Questo lavoro potrebbe anche esserne un sequel o un successore spirituale. Hanno molte somiglianze in termini di lunghezza, struttura delle canzoni e, naturalmente, Steve Harris. Ha scritto ben sette canzoni su questo album. La sua visione e il suo approccio si sentono in tutto l'album, in particolare nell'ultima parte del disco. Queste tracce sono tutte lunghe e richiedono più ascolti per essere comprese appieno. Come A Matter of Life and Death , ci è voluto molto tempo per apprezzare davvero alcune delle canzoni particolarmente lunghe. Una volta che lo fai, però, questo album diventa ancora migliore, lasciando da parte l'entusiasmo del "whoa, questo è il nuovo Iron Maiden".

La tracklist completa di Senjutsu è: 1. Senjutsu (8:20) Smith/Harris 2. Stratego (4:59) Gers/Harris 3. The Writing on the Wall (6:13) Smith/Dickinson 4. Lost In A Lost World (9:31) Harris 5. Days of Future Past (4:03) Smith/Dickinson 6. The Time Machine (7:09) Gers/Harris 7. Darkest Hour (7:20) Smith/Dickinson 8. Death of the Celts (10:20) Harris 9. The Parchment (12:39) Harris 10. Hell on Earth (11:19) Harris

Come potete vedere, alcune di queste canzoni sono davvero lunghe. Quindi, in questo modo, ogni traccia suona come se fosse un grande successo dell'attuale era degli Iron Maiden. Hai suoni e chitarre che sembrano provenire da The Final Frontier con un ritmo di batteria mixato da Dance of Death . È davvero il culmine di una band che non è al suo apice, ma un punto ancora dopo in cui sono più saggi e più illustri di quanto lo saranno mai come musicisti.


1. SENJUTSU (SMITH / HARRIS) Quand'è stata l'ultima volta che un album degli Iron Maiden è iniziato così? Normalmente qui abbiamo la traccia "da singolo" veloce di 3-4 minuti. E invece no, stanno cambiando la formula ancora una volta. Qui ci sono più di 8 minuti di furia, tuoni e schitarrate tecniche. In qualche modo gli Iron Maiden hanno creato una traccia di apertura che dura più di 8 minuti ma tiene alta la tua attenzione per tutto il tempo, e potrei davvero vederli aprire uno spettacolo con questa. "Senjutsu" è tutta incentrata sulla guerra e sul potere della musica. È una canzone davvero pesante, in particolare per gli Iron Maiden. Ma questo non sacrifica nessuna delle loro normali qualità musicali. La voce di Bruce Dickinson passa da essere grave e bassa a note altissime in un batter d'occhio. Se c'è una cosa da evidenziare in questa traccia, è sicuramente la batteria di Nicko McBrain. Non vedo l'ora di ascoltare questo pezzo dal vivo per sentire tutta la forza della batteria in una location da concerto. Nel complesso, questo è un modo nuovo e interessante di aprire l'album, e funziona incredibilmente bene. Cambiare le carte in tavola è l'essenza degli Iron Maiden, e "Senjutsu" fa proprio questo.


2. STRATEGO (GERS/HARRIS) "Stratego" è la traccia dei Maiden dal sound più classico che hanno realizzato in tutta la reunion era. Questa canzone sarebbe potuta stare su Powerslave o Piece of Mind e nessuno avrebbe battuto ciglio. È stato il secondo singolo che hanno rilasciato per l'album, quindi ho avuto più esperienza con questa traccia rispetto alle altre. Bruce Dickinson è in perfetta forma qui e la sua voce lo porta nella stratosfera degli Iron Maiden. È strano che non abbiano iniziato l'album con questo pezzo, ma nel grande schema delle cose, funziona. Si ottiene una sorta di atmosfera alla "Sign of the Cross"/X-Factor con l'apertura del disco con una traccia lunga e potente che porta a un'altra canzone più breve e ugualmente avvincente. "Stratego" suonerà sicuramente bene in una performance dal vivo e non vedo l'ora di ascoltarla come seconda canzone del Senjutsu World Tour , quando si farà. Questa potrebbe essere la canzone dell'album preferita dalla maggior parte delle persone, ma per scoprire la mia dovrete aspettare.


3. THE WRITING ON THE WALL (SMITH/DICKINSON) Questa è un'altra traccia che tutti abbiamo avuto la possibilità di ascoltare. Non ho paura di ammettere che questa canzone e il video di accompagnamento mi hanno fatto piangere. Erano lacrime di nostalgia, lacrime nel sentire nuovamente gli Iron Maiden e lacrime di gioia. Potrebbe essere un allontanamento dallo stile della band, ma è benvenuto. Nel pantheon degli assoli degli Iron Maiden ce ne sono un paio che spiccano: “Powerslave”, “Stranger in a Strange Land”, “Dance of Death” sono tra i migliori. "Writing On The Wall" ha un assolo di Adrian Smith che rivaleggia con quelle tracce senza strafare. Ogni nota si sposa perfettamente con l'ultima, senza mai sconfinare in un territorio “shredder”. C'è una ragione molto chiara per cui gli Iron Maiden hanno scelto questa traccia come singolo principale, e non solo per regalare uno dei migliori video musicali di sempre. "Writing On The Wall" è già un classico dei Maiden, con cui sono sicuro che tutti coloro che leggono hanno familiarità a questo punto. Si adatta ancora meglio alla tracklist di questo album a causa dei temi principali del disco. Buono da solo, ancora meglio con il resto dell'album.


4. LOST IN A LOST WORLD (HARRIS) Dopo la traccia di apertura, ci vengono offerte due canzoni che sono un po' più veloci e con un feeling più classico dei Maiden. Con "Lost In A Lost World", ci viene dato un pezzo che richiede sicuramente più ascolti per ottenere il pieno apprezzamento. Cito di nuovo The X-Factor , perché sembra molto simile a una traccia di quel fantastico album. Fino ai toni della chitarra per il riff principale, questo gira e gira ma ti fa sentire soddisfatto. Come suggerisce il titolo, si tratta di qualcuno che si è perso in un mondo che sta anch'esso perdendo la propria strada. La canzone cambia un po' di volte il tempo. Il suo ritornello troverà sicuramente un modo per rimanere bloccato nelle vostre orecchie. Dopo alcuni ascolti, questa era una traccia che originariamente non era una tra mie preferite, ma ora la considero una delle migliori canzoni dell'album.


5. DAYS OF FUTURE PAST (SMITH/DICKINSON) Dopo quella lunga traccia, è il momento di spezzare la tensione con una canzone più corta. "Days of Future Past" è il pezzo più breve dell'album, con poco più di 4 minuti di durata. Mi ricorda decisamente una canzone di Brave New World . Non sono sicuro se questa sia l'intenzione della band, di far suonare queste canzoni come composizioni di album precedenti, ma finora sta funzionando. In un'intervista con Revolver , Bruce ha dato questa descrizione del pezzo:

In realtà questo è un semplice collegamento aalla graphic novel 'Constantine', il quale è stato trasposto nel film con lo stesso nome con Keanu Reeves. Ho pensato che sarebbe stato interessante capovolgere la situazione, situazione in cui lui si è trovato destinato a camminare sulla terra fino a quando non avrà messo la testa a post - e giusto dire: "Beh, aspetta un attimo; esattamente chi ha detto che Dio deve fare questo? Che diritto ha di tirare in ballo tutte queste stronzate?"

Questo è un gradito cambio di ritmo per questa sezione dell'album e, anche se non è la mia traccia preferita dell'album, non è affatto male.


6. THE TIME MACHINE (GERS/HARRIS) Se non lo sapeste, mi piacciono molto le collaborazioni tra Janick Gers e Steve Harris. Le loro tracce sono tra le mie preferite da quando Janick si è unito alla band nel 1990. "The Time Machine" si adatta al resto di quest'era con la sua narrazione e al suo stile musicale. Bruce Dickinson ha una voce più svettante che torreggia sulla canzone. Il ritornello ti si infila in testa, e prima che tu te ne accorga la canzone è finita. È una veloce corsa di 7 minuti, tra i momenti salienti di questa prima "metà" del lavoro. Chiude il primo lato del disco e, come ha detto Bruce nell'intervista sopra, è quello che volevano fare con questo doppio album. Volevano che entrambe le parti sembrassero storie separate che ti danno esperienze diverse. Come una macchina del tempo, questo pezzo ti porta in giro nell'attuale era degli Iron Maiden, prima di approfondire la loro abilità musicale nella seconda metà.


7. DARKEST HOUR (SMITH/DICKINSON) Adrian Smith e Bruce Dickinson hanno tre canzoni in questo album, e "Darkest Hour" è l'ultima. È diverso da molti dei loro pezzi che di solito seguono uno stile "da singolo". Questo riguarda in parte le gesta di Winston Churchill durante la seconda guerra mondiale e le battaglie che l'hanno caratterizzato. Da Dunkirk al D-Day, è un'altra lezione di storia della band contenuta in un'altra grande canzone. È la traccia più lenta e metodica del duo. Tuttavia, ciò non toglie nulla alla sensazione generale e alla grandezza del pezzo. È un'altra scelta interessante per dare il via al “secondo disco” di Senjutsu . Sembra molto simile a "Coming Home" di The Final Frontier . "Darkest Hour" deve essere suonata dal vivo con una folla che canta il coro insieme a Bruce Dickinson. Si costruisce e si accumula fino a un finale lento e melodico che è soddisfacente e toccante visto l'argomento.


8. DEATH OF THE CELTS (HARRIS) Normalmente i dischi degli Iron Maiden degli ultimi tempi hanno queste tracce finali che sono composizioni epiche assolute del genere metal. Per Senjutsu, ne abbiamo addirittura tre. "Death of the Celts" è la prima di quelle canzoni da più di 10 minuti di Steve Harris, ed è una traccia incredibile. Per dieci minuti, questa unisce heavy metal, musica folk e altro ancora. Sembra molto simile a "The Clansman" di Virtual XI . Racconta la storia delle ultime tribù celtiche rimaste dopo che le tribù germaniche le costrinsero a far parte del Regno Unito. Musicalmente, questo è uno dei pezzi migliori dell'album. Se giudichi le canzoni metal in base alla quantità di "air guitaring", qui ne avrai da fare sugli assoli. E' un brano molto denso che ancora una volta richiede molti ascolti. Una volta fatto, sarai completamente ripagato con una traccia epica.

9. THE PARCHMENT (HARRIS) Il secondo pezzo del trio di oltre 10 minuti che Steve Harris ha scritto per la fine del disco potrebbe essere il più debole. Certo, il più debole di tre brani scritti da Steve Harris, ma qui comunque manca qualcosa. Non ha lo stesso impatto o messaggio delle altre canzoni, ma compensa con chitarre pesanti e una storia forte in stile Iron Maiden. Se vi piace la musica che racconta una storia, questa è la traccia che fa per voi. “The Parchment” è la dimostrazione di ciò.

10. HELL ON EARTH (HARRIS) Ci siamo, l'evento principale. Quello che stavate aspettando. Negli scorsi album ci sono stati brani come "The Legacy", "Empire of the Clouds" o "When the Wild Wind Blows", e ora "Hell On Earth" si unisce a quelli che hanno chiuso con successo gli album dei Maiden in modo commovente e potente. Con il mondo in fiamme, le persone che muoiono, le pandemie che infuriano, è compito di Steve Harris e degli Iron Maiden trovare un modo per descrivere tutto ciò in una canzone.

Questa canzone evoca emozioni che normalmente non si provano ascoltando un pezzo degli Iron Maiden, e si adatta a quei temi di cui abbiamo parlato all'inizio. Proprio quando pensi che la canzone possa essere così bella solo nella parte centrale, diventa ancora migliore. Questa è di gran lunga la mia traccia preferita e più sentimentale dell'album. Steve Harris ha scritto alcune delle più grandi canzoni nella storia dell'heavy metal e "Hell On Earth" è una di queste. È una testimonianza dell'abilità degli Iron Maiden di poter registrare qualcosa che supera quasi tutto ciò che hanno fatto nella loro carriera. "Hell On Earth" è assolutamente da ascoltare.

DOVE SI INSERISCE SENJUTSU NELLA DISCOGRAFIA DEI MAIDEN? Nella mia classifica degli album degli Iron Maiden, i primi due sono Seventh Son of a Seventh Son e Somewhere In Time . Senjutsu sembra un album molto diverso da quei due. La band si ritrova in un periodo e in un punto della loro vita completamente diversi. Quindi, confrontare questo con quelli, non sarebbe giusto. Che ne dite degli altri album della reunion era? A Matter of Life and Death è la miniera d'ora di questo nuovo corso. Senjutsu è al pari di quell'album. Realisticamente, lo metterei tra Piece of Mind e Dance of Death alla settima posizione. Senjutsu è un trionfo del genere, è un trionfo degli Iron Maiden, ed è l'album di cui tutti abbiamo bisogno in questo momento. È pieno di tematiche e testi che parlano dei mali che tutti noi affrontiamo nel mondo. Visto che è stato scritto e registrato prima di tutta questa pandemia globale e delle nuove guerre, dimostra solo quanto gli Iron Maiden siano sul pezzo con la loro musica. Se la traccia più debole dell'album è una canzone come "Days of Future Past", sai di avere un ottimo lavoro tra le mani.

Questo è un altro album che trae beneficio dall'ascolto fino in fondo. Se prendi i pezzi a parte, è comunque fantastico. Ma ascoltandolo nel suo insieme si raggiunge un nuovo livello di grandezza per gli Iron Maiden. Per una band che rilascia qualcosa di così grandioso così tardi nella sua carriera, è un successo.

Senjutsu uscirà il 3 settembre ovunque. Come fan degli Iron Maiden, devi darci un ascolto. Per ulteriori informazioni sul metal, assicurati di dare un'occhiata a That Hashtag Show.


VOTO SENJUTSU: 95%

RIEPILOGO: Gli Iron Maiden superano quasi tutti i loro lavori del 21° secolo con Senjutsu. È un album pieno fino all'orlo di grandi canzoni che funzionano bene prese singolarmente, ma ascoltate tutte di fila ti fanno provare un'esperienza davvero speciale.