Recensione: "Senjutsu è una nuova gemma di una delle più grandi band heavy metal di sempre"



Ecco la traduzione della recensione realizzata dal prestigioso sito Blabbermouth.


"Voto: 9/10


Nella mia modesta opinione si può dire tranquillamente che gli IRON MAIDEN sono la più grande band heavy metal di tutti i tempi. Sono passati sei anni dall'uscita dell'ultimo album della band inglese, "The Book of Souls" del 2015 , e il leggendario gruppo torna ora per colmare il divario più lungo tra i suoi album con "Senjutsu" , un ambizioso doppio album. In breve, l'album è assolutamente magnifico. Rimane fedele al sound classico della band e allo stesso tempo evidenzia la curiosità e la creatività musicale incessanti e inflessibili della band.


Confermando le recenti affermazioni pubbliche dei membri della band, "Senjutsu" include del materiale che sicuramente sorprenderà molti ascoltatori di vecchia data. La title track di apertura, ad esempio, proietta un'energia deprimente e triste atipica per la trionfante band heavy metal. È pesante e divertente, ma molto distante dal suono familiare degli Iron Maiden. I synth si prestano all'atmosfera più oscura, e la scansione tribale del batterista Nicko McBrain crea una tensione inquietante che suggerisce ma non dà mai realmente il via.

L'ordine premuroso delle tracce aumenta l'esperienza dell'album. In questo caso, la tensione della title track è spezzata dalla seconda canzone, "Stratego" . Questa è matura, con quel galoppo caratteristico dei Maiden , guidata dalla sezione ritmica di McBrain e dallo straordinario bassista Steve Harris , e pilotata dal lavoro abile dei chitarristi Dave Murray , Janick Gers e Adrian Smith . Anche se l'unico e solo Bruce Dickinson, noto per le sue note altissime e svettanti, è invecchiato, non ha perso il potere e il controllo nella sua voce in alcun modo. Si può dire che dà colore in modo appropriato le canzoni, alternando calma e intensità a seconda del momento. In questo modo, la sua mostruosa voce è suggestiva e provocante per tutta "Stratego" , raggiungendo il culmine solo durante il massiccio ritornello della canzone.


Il primo singolo "The Writing On The Wall", con tanto di video, ha portato alla canzone e all'album una notevole attenzione. Ma è stata una scelta curiosa considerando l'audace mossa di abbracciare alcuni elementi pseudo-country, a cui attingono con gusto e giocosamente, anche se la canzone è nel complesso poco brillante. Per essere chiari, questo modo di giudicare la qualità è relativa, perché la canzone è comunque una spanna sopra la maggior parte di ciò che ascoltiamo oggi nel regno dell'heavy metal.

I Maiden sono autoreferenziali in tutto "Senjutsu" , ma non in modo negativa. Queste strizzatine d'occhio al passato legano insieme le cose in maniera fluida. "The Parchment" ricorda chiaramente "Powerslave" per quanto riguarda le energiche melodie in stile mediorientale. È una delle tante canzoni scritte da Steve Harris nell'album che iniziano con introduzioni più calme e acustiche. Ognuna di questa è tuttavia diversa, e queste intro sono semplicemente composizioni simili che hanno senso nell'ambito dell'approccio sempre più cinematografico di Harris alla scrittura di canzoni. L'ultimo quarto de "The Parchment" è piuttosto eccitante, anche se ci vuole troppo tempo per arrivare a quel punto così in là nella canzone.

"Senjutsu" è una maratona musicale della durata di 82 minuti e suddivisa in 10 brani. Considerando che la struttura classica di strofa-ritornello-strofa viene buttata nella spazzatura, è difficile assimilare alcune canzoni, anche dopo ripetute sessioni di ascolto. Detto questo, ci sono così tanti dettagli e sfumature di cui godere che numerosi replay sembrano obbligatori. "Senjutsu" è veramente un disco che si apprezza col tempo. Gli ascoltatori di oggi, con un periodo di attenzione sempre più breve, avranno la pazienza per questo? Dovremo aspettare e vedere, ma i fan di vecchia data, i più giovani e i curiosi farebbero bene a prendere l'album. "Senjutsu" è una nuova gemma di una delle più grandi band heavy metal di sempre, se non la più grande in assoluto."