top of page
Cerca

[CURIOSITÀ] Quanto sono REALMENTE popolari gli Iron Maiden?


Gli Iron Maiden sono una delle più grandi band Heavy Metal del mondo. Anzi: se consideriamo proprio l'Heavy Metal come genere a sé, sono la più grande band al mondo, senza sé e senza ma. Gli ultimi dati parlavano di oltre 130.000.000 di album venduti e di più di 200.000.000 copie di materiale audiovisivo in mano ai fan. Un numero sicuramente straordinario, soprattutto considerando che una grande fetta di vendite proviene dagli ultimi anni. I Maiden, infatti, sono forse l'unica grande band che ancora riesce a entrare in classifica grazie alle copie fisiche. Per fare un confronto in casa nostra, The Book of Souls (2015) e Senjutsu (2021) hanno raggiunto entrambi la prima posizione in classifica (la certificazione disco d'oro è arrivata poco dopo per tutti e due gli album), mentre gli ultimi due dischi dei Metallica (Hardwired to Self Destruct, 2016, e 72 Seasons, 2023) si sono fermati rispettivamente al quarto e quinto posto. Ciò è segno del fatto che i Maiden non vivono di rendita ma che dopo 50 anni di carriera ancora destano interesse con i loro nuovi lavori, sempre promossi dal vivo in maniera più che esaustiva.


È difficile parlare di vendite per ogni singolo album della band, dal momento che molti dati mancano oppure sono approssimativi. Anni fa The Number of the Beast era l'album più venduto ma adesso la situazione potrebbe essere diversa. Va però detto che, purtroppo, i lavori in studio vendono sempre meno, per cui ormai per stabilire la popolarità di un gruppo si usa un'altra misura: le vendite dei concerti.


Diciamolo subito: anche qui i Maiden hanno pochissimi rivali. Al giorno d'oggi le uniche due band Metal in grado di fare più di loro sono Metallica e Rammstein, e neanche da tutte le parti.

Non bisogna certo specificare che i due gruppi sopracitati hanno una grossa fetta di fan che li supporta conoscendo unicamente le canzoni di più commerciali/famose (abbiamo già visto che se si parla di interesse puro verso la band i Maiden sono imbattibili), ma certo è che, al giorno d'oggi, il pubblico dei Rammstein i Maiden se lo sognano.


Passiamo al punto quindi: quanto vendono gli Iron Maiden per un concerto?


Beh, qui c'è da fare una precisazione: non si può fare una media a livello mondiale. Se altri artisti possono vantare gli stessi numeri un po' in tutto il globo, i Maiden hanno cifre diverse anche a poche decine di km di distanza.


L'unico modo per farsi un'idea della popolarità della band è considerare i mercati singolarmente, almeno i principali. Ecco quindi una lista di alcuni paesi, dati e alcune considerazioni:


ARGENTINA

 

Partiamo con uno dei paesi più patiti di Iron Maiden.

La media di spettatori dei concerti in Argentina è di circa 45.000 spettatori. Nel 2013 la band si è esibita allo stadio River Plate di Buenos Aires (capienza di oltre 60.000 posti) per 50.000 fan, nel 2016 hanno totalizzato circa 17.000 persone allo stadio di Cordoba (capienza: 60.000 posti) e 32.000 all'Estadio Velez di Buenos Aires (40.000 posti). Lo show del 2019, sempre al Velez, ha registrato il tutto esaurito qualche mese prima del giorno dello show, mentre gli oltre 55.000 biglietti per i due concerti a Buenos Aires (Estadio Hurucan, 40.000 posti, e Movistar Arena, 15.000 posti) di quest'anno sono terminati in pochissime ore.



AUSTRALIA

 
Gli Iron Maiden alla Qudos Bank Arena di Sydney nel 2008.

Gli Iron Maiden sono passati molte volte per l'Australia (beh, considerati gli standard della maggior parte dei gruppi). La band ci ha suonato nel 1982, nel 1984, nel 1992, nel 2008, nel 2011, nel 2016 e ci ritorneranno a settembre del 2024. A fine di quest'anno i Maiden si saranno esibiti nel paese in 7 anni differenti (ovviamente si trattava di molteplici date per anno).


Parlando di vendite, si può dire che l'esplosione della Maiden Mania c'è stata nel 2008 (fattore comune a molti paesi, come vedremo). I biglietti per gli iniziali 4 concerti (Perth, Melbourne, Sydney e Adelaide) sono volati, costringendo la band a raddoppiare le date di Melbourne e Sydney. In particolare, la prima serata a Melbourne (capienza di 13.000 posti circa) ha registrato il tutto esaurito in soli 25 minuti. Ovviamente si parla di arene al chiuso e non di posti con una capienza enorme, però è stata la prima volta che i Maiden hanno venduto così tanto in questo mercato. Raramente però viene ricordato che, sebbene le doppie date a Sydney e Melbourne avessero venduto bene, le altre erano lontane dal registrare il sold out. La situazione è leggermente peggiorata nel 2011, dove per i loro headline show a Melbourne e Sydney non avevano superato i 7.500 paganti. Tuttavia va precisato che la band è tornata nelle stesse città pochi giorni dopo con il festival Soundwave, suonando per molti più fan. Come vedremo, però, i festival fanno storia a parte quando si parla di pubblico.

Nel 2016 i Maiden hanno toccato "il fondo". I concerti si sono anche avvicinati al tutto esaurito, ma solo e unicamente perché gli organizzatori hanno letteralmente dimezzato i prezzi dei biglietti nei mesi precedenti agli show. Se non avessero messo in atto questa tattica probabilmente i numeri sarebbero stati estremamente bassi.

Per la leg (cancellata) del 2020 le vendite sembravano essere addirittura peggiori, cosa intuibile dal fatto che le date di Sydney e Melbourne, nonostante la possibilità, non erano stato raddoppiate, cosa successa invece per i concerti del 2024, che probabilmente saranno in pari o leggermente meglio dell'ottimo risultato del 2008 (nonostante per Sydney si sta già riducendo la capienza per la seconda serata).



AUSTRIA

 
Il concerto degli Iron Maiden allo stadio di Vienna nel 2022.

Difficile giudicare la popolarità della band qui dal momento che perlopiù si è sempre esibita in festival. Il pubblico dei festival infatti non rappresenta per forza il numero che un gruppo farebbe "in solitaria". Basta pensare al famoso Rock in Rio: quando i Maiden si esibiscono lì vendono 100.000 biglietti in poche ore, ma l'ultima volta che si sono esibiti nella città con un un headline show i 12.000 biglietti sono terminati solamente il giorno del concerto, dopo mesi e mesi di vendita. Certo, alcune manifestazioni vendono solo e unicamente grazie alle band presenti, ma le più grandi possono permettersi di registrare il tutto esaurito senza aver annunciato neanche un gruppo.

Per questo dire che i Maiden venderebbero 40.000 biglietti per un concerto in Austria sarebbe scorretto: quelle sono le cifre che facevano di solito al Nova Rock o al Rock in Vienna. Tuttavia va specificato che per il loro show al Neustadt Stadion di Vienna nel 2022 gli oltre 25.000 tagliandi sono terminati in pochissimi mesi.



BELGIO

 
Il concerto degli Iron Maiden allo Sportpaleis di Anversa nel 2023.

Anche qui la band si esibisce spesso al Graspop Metal Meeting, per cui è difficile fare una stima del loro pubblico (va detto che, al contrario di altri festival, qui il giorno dei Maiden registra sempre il tutto esaurito con mesi di anticipo, cosa che magari non accade con altri headliner). Gli unici esempi recenti di headline show sono quelli allo Sportpaleis di Anversa (capienza di circa 19.000 posti) del 2017 e 2023. Nel primo caso il concerto è andato sold out nel giro di poche ore (merito del fatto che era la prima data del tour e una delle poche europee di quell'anno), mentre nel secondo la band ci ha messo diversi mesi per vendere tutti i biglietti.



BRASILE

 
Il concerto degli Iron Maiden all'Estadio Morumbi di Sao Paulo nel 2019.

Questo è il paese dove si pensa che i Maiden vendano di più, ma non è così. Come abbiamo visto il Rock in Rio fa storia a sé, e spesso e volentieri gli altri concerti (in location molto più contenute) non hanno registrato il tutto esaurito. Diciamo che la media è di circa 20/25.000 spettatori a data, con l'eccezione di Sao Paulo, luogo in cui i Maiden attirano sempre molti più fan. Va però detto che dal 2019 gli show della band registrano sempre il sold out in ogni città in cui si esibiscono. Degni di menzione sono i due concerti di Sao Paulo del 2019 e del 2022, entrambi tenutisi all'Estadio Morumbi, per cui la band ha registrato il tutto esaurito (circa 55.000 spettatori) in anticipo in entrambe le volte. Nel 2024 la band concluderà il suo tour con due show consecutivi all'Allianz Parque di Sao Paulo (40.000 posti).



CILE

 
Il concerto degli Iron Maiden all'Estadio Nacional di Santiago nel 2019.

La storia d'amore tra la band e questo paese è nota a tutti. Nel 2008 il concerto alla Pista Atletica di Santiago (30.000 posti) ha registrato il tutto esaurito in poche ore, mentre nel 2009 al Club Hipico (60.000 posti) erano circa 50.000 i fan presenti. Risultato sotto le aspettative quello del 2011 all'Estadio Nacional (sì, il concerto del live En Vivo!), con meno di 44.000 spettatori su una capienza di 60.000 posti. Situazione decisamente migliorata nel 2013 con 57.000 biglietti venduti (da quell'anno sono la band inglese che ha venduto di più nel paese) per poi peggiorare un pochettino con i 54.000 del 2016. Dal 2019, però, i Cileni ci sono andati giù pesante. Lo show previsto ancora una volta all'Estadio Nacional è andato sold out con 9 mesi di anticipo, facendo aggiungere alla band un altro concerto alla Movistar Arena (15.000 posti) il giorno prima (e in questo caso non era veramente prevista una seconda data). Inutile dirlo, i biglietti per quello show sono terminati in pochi secondi. Nel 2024 ci saranno i due concerti più grandi sempre per la band, con due serate all'Estadio Nacional già sold out: si parla di oltre 120.000 biglietti venduti con mesi e mesi di anticipo.



COLOMBIA

 

Il concerto degli Iron Maiden al Simon Bolivar Parque di Bogota nel 2008.

I Maiden ci sono passati nel 2008, nel 2009, nel 2011 e ci torneranno nel 2024.

Le prime tre visite si sono tenute al Simon Bolivar Parque di Bogota (100.000 posti) e sono state una discesa allarmante. Al concerto del 2008 erano presenti 50.000 fan, mentre già nel 2009 il numero si era più che dimezzato. Nel 2011 c'è stato uno dei più grandi flop della storia della band, con poco più di 6.000 presenti (moltissimi invitati gratis). Il promoter aveva confermato che, a causa delle gravi perdite economiche, non avrebbe mai più portato i Maiden in Colombia.


Ha fatto bene a ripensarci, perché i biglietti per lo show all'Estadio El Campin (45.000 posti) che la band terrà quest'anno sono terminati dopo soli 20 minuti dalla messa in vendita.



DANIMARCA

 

Il concerto degli Iron Maiden alla Royal Arena di Copenhagen nel 2018.

Storicamente non è un paese che ha mai amato troppo i Maiden. Se è vero che le ultime visite della band sono state sold out va anche specificato che o si trattava di arene oppure del Copenhell, festival non enorme che però nel 2022 è riuscito a portare che Metallica, aiutando di molto le vendite anche del giorno dei Maiden grazie ai pass. Nel 2016, a Herning, non si arrivò ai 12.000 spettatori e nel 2018, a Copenhagen, i 15.000 biglietti sono terminati unicamente il giorno del concerto.



FINLANDIA

 
Il concerto degli Iron Maiden alla Nokia Arena di Tampere nel 2023.

Questo mercato è uno dei più strani per gli Iron Maiden.

Nel 2008 i biglietti per i due concerti di Helsinki (Stadio, 50.000 posti) e Tampere (Stadio, 30.000 posti) sono stati letteralmente polverizzati. Dopo un festival nel 2010, la band è tornata nel 2011 allo stadio olimpico di Helsinki, stavolta per circa 40.000 fan. Nel 2013 la capienza dello stadio è stata notevolmente ridotta e il pubblico non raggiunse i 27.000. Punto basso nel 2016, con meno di 20.000 spettatori per il loro concerto ad Hämeenlinna. Come vedete, in meno di 10 anni la band è passata dal vendere 80.000 biglietti in pochi minuti a non riuscire a venderne la metà della metà in mesi e mesi. La situazione è un po' migliorata nel 2018, con i due concerti all'Hartwall Arena di Helsinki (10.000 posti) sold out (cosa che ha richiesto comunque diversi mesi). Nel 2022 il Rockfest ha dichiarato il tutto esaurito durante il giorno del concerto dei Maiden, ma in realtà meno di 25.000 spettatori erano presenti. Nel 2023 c'è stato un grosse segnale di ripresa, con i due show di Tampere (10.000 posti) che hanno registrato il sold out in pochi minuti. Siamo ben lontani dagli 80.000 del 2008 ma da qualche parte si dovrà pur ripartire, no?



FRANCIA

 
Il concerto degli Iron Maiden alla Defensè Arena di Parigi nel 2022.

La Francia rappresenta uno dei migliori mercati per la band in Europa, c'è poco da dire. Tra l'Hellfest costantemente sold out (anche se come abbiamo visto non fa testo, visto che spesso i 65.000 biglietti vengono venduti ancora prima che si conoscano gli headliner) e le doppiette a Bercy (15.000 posti) che vanno esaurite sempre e comunque in pochi minuti, i nostri cugini amano davvero tanto i Maiden.


Degno di nota il concerto allo stadio La Defensè del 2022, per il quale gli oltre 35.000 biglietti sono terminati in un paio di giorni (e già si parla di doppia data per il 2025).



GERMANIA

 
Il concerto degli Iron Maiden al RheinEnergie Stadion di Cologne nel 2022.

Questo è senza dubbio il miglior mercato per gli Iron Maiden, anche se lo è diventato solo recentemente.

Fino al 2013 la band si è esibita prevalentemente nelle arene, registrando sempre il tutto esaurito ma senza fare grossi numeri per ovvie ragioni di capienza. Nel 2016 c'è stato un primo segnale incoraggiante, con il concerto al Waldbühne di Berlino (22.000 posti) che è andato sold out in relativamente poco tempo nonostante le altre 3 date nei festival di quell'anno (tra cui il Wacken). Nel 2017 la band è tornata con un po' di date nelle arene, nelle quali ha faticato solo con la seconda ad Oberhausen (10.500 posti). Nel 2018 ci sono stati altri 4 concerti (di cui un festival) e solo Berlino paradossalmente non ha registrato il tutto esaurito. Nel 2020 aka 2022, però, i fan tedeschi han fatto capire chi comanda: i biglietti per le 5 date sono volati. Per Berlino c'è stato un sold out praticamente istantaneo, per lo stadio (poi spostato in un parcheggio a causa dell'indisponibilità della venue) di Stoccarda (42.000 posti) stessa storia, vendite record anche per lo stadio a Colonia (42.000 posti) e per la piazza di Brema (30.000 posti). Tutti i concerti hanno registrato il tutto esaurito tranne quello allo stadio di Francoforte (dove comunque hanno totalizzato oltre 30.000 spettatori), ma dal momento che era stato annunciato in piena pandemia con i biglietti messi in vendita mesi e mesi dopo è anche comprensibile il perché.


Nel 2023, le sette date tedesche nelle arene e il loro show al Wacken sono andati esauriti nel giro di 10 minuti.



GIAPPONE

 
Il concerto degli Iron Maiden al Ryogoku Kokughikan di Tokyo nel 2016 (prima data).

Il Giappone è forse uno dei paesi per cui è più difficile farsi un'idea della fama dei Maiden.

I concerti della band sono sempre esauriti, ma spesso si tratta di venue particolari dalla capienza ridotta (basti pensare alla doppia data allo stadio di Sumo del 2016 con soli 6.000 posti disponibili). I concerti previsti qui a fine 2024 sono quasi tutti sold out, ma ad esempio uno di quelli con biglietti disponibili è Aichi, la cui arena probabilmente non arriva a 7.000 posti.



GRECIA

 
Il concerto degli Iron Maiden allo Stadio Olimpico di Atene nel 2022.

Anche qui si tratta di un mercato strano. Basta dire che per il concerto al festival Rockwave di Atene del 2018 i promoter hanno venduto ben più dei 40.000 biglietti disponibili, mentre quando la band si è esibita allo stadio olimpico di Atene nel 2022 erano presenti solo 26.000 spettatori in una location da oltre 70.000 posti.



ITALIA

 
Il concerto degli Iron Maiden all'Ippodromo di San Siro nel 2023.

E noi dove ci piazziamo? Beh, siamo un bel mercato per la band, ma niente di più. Il nostro record è stato di oltre 40.000 persone a Rho nel 2013 e da allora non ci si è più avvicinati a questa cifra con una sola data. Certo, nel 2016 si è arrivati a circa 42.000 spettatori in tre date e nel 2018 si è superata la soglia dei 60.000 (37.000 a Firenze, 17.000 a Milano e 9.000 a Trieste), ma parlando di date singole recenti ci sono state le 30.000 persone di Bologna (sigh!) e le 30.000 all'ippodromo di Milano (sigh!).

Va detto che però molti, moltissimi fan hanno iniziato a boicottare i concerti dei Maiden in Italia a causa delle location non adatte, dei prezzi sempre più alti e delle organizzazioni approssimative a dir poco. Non abbiamo dubbi che si riuscirebbe a superare i 50.000 spettatori in una situazione adeguata. Magari il prossimo anno?



MESSICO

 
Il concerto degli Iron Maiden al Foro Sol di Città del Messico nel 2022.

Qui è un po' un sali e scendi. Nel 2008 ci fu un "sold out" allo stadio Foro Sol di Città del Messico con 52.000 spettatori mentre nel 2009 nella stessa location gli spettatori erano in meno di 25.000. Poi, 47.000 nel 2011 e 49.000 nel 2013. Nel 2016 la band si è esibita per due sere al Palacio de los Deportes di Città del Messico (22.000 posti) e al Teatro Banamex di Monterrey (8.000 posti), con tutti i concerti esauriti. Nel 2019 i Maiden dovettero aggiungere un terzo concerto ai due già annunciati al Palacio de Los Deportes a causa dei sold out istantanei. Lo show al Foro Sol del 2022 è ad oggi il più grande concerto singolo della band, con 62.994 biglietti venduti.


POLONIA

 
Il concerto degli Iron Maiden allo stadio di Varsavia nel 2022.

Dal 2008 la band ha avuto una crescita importantissima in questo mercato.

Lo show sold out allo stadio di Varsavia (50.000 posti) nel 2022 ne è la prova.



PORTOGALLO

 
Il concerto degli Iron Maiden all'Estadio Nacional di Lisbona nel 2022.

La maggior parte dei concerti della band in questo paese sono sempre andati esauriti, in particolare quelli alla MEO Arena di Lisbona (circa 18.000 posti). Nel 2022 la band ha provato a suonare all'Estadio Nacional (circa 30.000 posti), totalizzando 27.000 spettatori.


REGNO UNITO

 
Il concerto degli Iron Maiden all'O2 Arena di Londra nel 2023 (prima data).

Qui i Maiden hanno quasi sempre fatto solo due cose: o Download Festival o tour nelle arene. I tour nelle arene generalmente sono sempre andati bene e quasi sempre erano sold out (tranne nel 2017), mentre per il Download dal 2013 c'è stato un calo dovuto al fatto che i fan dei Maiden e del Download si sono stancati di vederli al festival ogni tre anni. Sebbene si parli sempre di 60.000 persone minimo è chiaro che per una band del genere in questo contesto (in cui anche "piccoli" gruppi totalizzano la stessa cifra) non è molto. Con il fatto che il tour nelle arene del 2023 è andato sold out nel giro di pochi secondi, i Maiden tenteranno uno stadio come nel 2008 (quando andò bene ma non ci fu il tutto esaurito)?



REPUBBLICA CECA

 
Il concerto degli Iron Maiden al Sinobo Stadium di Praga nel 2022.

Dal 2016 sono in crescita costante. A Praga, nel 2018, al loro show assistettero 30.000 persone, nel 2020/22 i 30.000 biglietti finirono in poche settimane, mentre la doppia data all'O2 Arena di Praga (15.000 posti) registrò il sold out in pochi giorni.



SPAGNA

 
Il concerto degli Iron Maiden al Wanda Metropolitano Stadium di Madrid nel 2018.

La band sta puntando molto su questo mercato.

Quello allo stadio Metropolitano di Madrid nel 2018 è stato lo show più grande e redditizio di quell'anno (tolti i festival) con 50.000 biglietti venduti in prevendita. Nel 2020-22 allo Stadio Olimpico di Barcellona erano presenti 47.000 fan, sold out sfiorato per un soffio ma va segnalato che, durante la pandemia, il promoter aveva rimborsato moltissime persone (cosa che praticamente nessun altro organizzatore ha pensato di fare). I 3 concerti (due arene da circa 17.000 posti e uno stadio da 25.000) del 2023 hanno tutti registrato il tutto esaurito (Bilbao in pochi minuti).



SVIZZERA

 
Il concerto degli Iron Maiden all'Hallenstadion di Zurigo nel 2023.

I Maiden non sono mai stati troppo seguiti in Svizzera. La band si è esibita perlopiù all'Hallenstadion di Zurigo (12.000 posti) e non sempre ha registrato il tutto esaurito.



SVEZIA

 
Il concerto degli Iron Maiden all'Ullevi Stadium di Gothenburg nel 2022

Un altro porto sicuro per i Maiden. Sebbene il loro picco l'abbiano toccato nel 2008, con due stadi (rispettivamente da 60.000 e 30.000 persone) sold out in pochi secondi, la band continua a registrare il tutto esaurito (con mesi e mesi di anticipo) per ogni singola data.


STATI UNITI e CANADA

 

Il rapporto tra le band Metal inglesi e il Nord America (principalmente gli Stati Uniti) non è mai stato troppo roseo. Nel corso degli anni i Maiden hanno collezionato successi incredibili (4 date sold out alla Long Beach Arena nel 1984, utilizzate poi per l'album dal vivo Live After Death) ma anche grandi flop (ad Oklahoma City nel 2017 erano a malapena 5.000 i presenti, uno dei numeri più bassi mai registrati dalla band).

In generale, come per molti altri mercati, dal 2008 c'è stato un incremento sostanziale, con il picco raggiunto nel 2019 e nel 2022 (sebbene molte date non abbiano registrato il tutto esaurito comunque le cifre erano superiori alla norma). Nel 2023, i tre concerti canadesi (e gli unici concerti da headliner in America) non hanno fatto sold out, mentre le vendite per il tour 2024 arrancano molto specie in mercati importanti in cui si sono sempre esibiti per due sere di fila (Los Angeles e New York).


Possiamo dire che la media di spettatori negli Stati Uniti è/era di circa 10/12.000 persone, mentre in Canada è leggermente più alta.


 

Ovviamente è impossibile elencare tutti i paesi del mondo, dal momento che gli Iron Maiden hanno fatto almeno un concerto nella maggior parte di essi. Abbiamo cercato di includere quelli dove la band passa più spesso, lasciando da parte quelli visitati più di rado. Ad esempio non abbiamo parlato della Lettonia o della Lituania, dove nel 2022 i Maiden hanno suonato in arene deserte o quasi (chiaramente il grosso della colpa era riconducibile alla guerra), oppure non abbiamo nominato mercati come la Costa Rica, paesi dove la band fa numeri discreti ma nulla di più.


Come abbiamo visto, il pubblico dei Maiden non è omogeno e anche nello stesso paese fanno numeri decisamente diversi a seconda della città (per esempio da noi quando si va verso il Sud Italia i numeri diminuiscono non poco). Ciò che è lampante è che oggi, a quasi 50 anni di carriera, gli Iron Maiden stanno ancora crescendo, facendo numeri sempre più importanti in quasi tutto il mondo.


Il tutto è ancora più incredibile se pensiamo che hanno ottenuto questo successo senza canzoni da radio e in generale senza l'aiuto (quasi inesistente anche ai giorni nostri) dei media. Sono stati uno dei pochi gruppi ad aver sfondato, a essere tornati a suonare nei club durante un periodo di crisi (negli anni '90) per poi diventare più grandi che mai.


Viene da chiedersi cosa sarebbe successo se Steve e soci si fossero lasciati un po' più andare alle tattiche commerciali. Beh, probabilmente sarebbero la più grande band del pianeta, a prescindere dal genere.

Comments


Commenti

Share Your ThoughtsBe the first to write a comment.
bottom of page